General House

Il 2 febbraio, giorno in cui celebriamo la Presentazione del Signore e la chiesa festeggia anche la Vita Consacrata, le comunità di Casa generalizia e Canonico Chiesa si sono strette attorno al ch. Luca Park, proveniente dalla Regione Corea, per il rinnovo della professione religiosa. Durante l’Eucarestia il Superiore generale, don Valdir José De Castro, ha evidenziato l’immagine di Gesù luce delle genti, sottolineando come noi religiosi siamo chiamati ad essere riflesso di questa Luce, testimonianza che da Paolini è impegno apostolico, annuncio con i linguaggi moderni della comunicazione.

Durante la Celebrazione eucaristica di 26 ottobre, in Casa Generalizia, il chierico nigeriano James Arinze Edeh ha ricevuto il ministero del Lettorato. Presiedeva la celebrazione il Vicario provinciale dell¹India-Nigeria-GB-Irlanda, don Devasia Puthiyaparambil; con lui i confratelli di Casa generalizia, comunità Canonico Chiesa e altri Paolini di passaggio dopo il 2° Seminario Internazionale degli Editori Paolini.

Nell’augurio rivolto a James, don Devasia esprimeva l¹importanza di accogliere ogni giorno la Parola, di viverla nella quotidianità, perché solo così si diventa testimoni, efficaci Œlettori¹ sull¹esempio del Beato Alberione, perché il suo amore alla Scrittura è stato amore a Gesù e passione apostolica.

Nella Festa della Natività di Maria, 8 settembre, il chierico nigeriano James Arinze ha rinnovato la professione religiosa nella cappella di Casa generalizia a Roma, alla presenza dei confratelli della comunità Canonico Chiesa e Casa generalizia. 
Un momento semplice ma coinvolgente, in unità con tutti i Paolini sparsi nel mondo che oggi ricordano la prima professione o quella perpetua. Il Superiore generale, don Valdir José De Castro, nell’omelia ricordava come ognuno di noi è chiamato ad assomigliare a Maria, ad assumere i suoi tratti, lei che prima di noi ha accolto e donato al mondo Gesù. È questo l’augurio che facciamo anche a James.
 

Con la Celebrazione eucaristica nella Sottocripta del Santuario Regina degli Apostoli, sabato 3 dicembre, si è concluso il primo Corso di preparazione alla Professione perpetua dei nostri 17 juniores. Ha presieduto il Superiore generale don Valdir José De Castro, con la presenza di un buon gruppo di confratelli e membri della Famiglia Paolina, tra i quali il maestro don Oliverio Mondragón, don Salud Paredes e don Celso Godilano, Consiglieri generali e membri del SIF. Don Valdir ha manifestando a tutti gli juniores la sua vicinanza e un caloroso incoraggiamento perché ciò che han studiato e vissuto diventi tesoro prezioso per tutta vita, a fondamento del loro essere apostoli oggi. Alla celebrazione è seguito un momento di condivisione di ciò che hanno realizzato in questi mesi (filmati e powerpoint), una sintesi del nostro essere sacerdoti-discepoli, Famiglia Paolina, della nostra storia e spiritualità. Nei prossimi giorni prenderanno il volo per ritornare nei loro Paesi… con la gioia di aver conosciuto altri fratelli nella missione, ancor più consapevoli del dono della nostra vocazione, sulle orme di san Paolo e del beato Alberione. Buon cammino!

UN RINGRAZIAMENTO

El 25 de septiembre de 2016, el grupo de Paulinos que están viviendo el Curso de Preparación a la Profesión Perpetua en Albano, Italia, habiendo sido invitados por el Maestro de las Celebraciones Litúrgicas Pontificias, participaron en el Servicio Litúrgico en la Misa presidida por el Papa Francisco  en la Plaza de San Pedro en el Vaticano.

La Eucaristía con motivo del Jubileo de los Catequistas fue una oportunidad para que los 17 jóvenes que actualmente forman parte de la Comunidad Santiago Alberione de Albano participaran prestando el servicio litúrgico en dicha celebración.

El sábado 24 de septiembre fueron citados para un ensayo previo y el domingo 25, puntuales a las 9 horas, después de un segundo ensayo, estuvieron listos para esperar el arribo del Santo Padre. Ya revestidos con el hábito talar y en un ambiente de oración, en la Capilla de la Pietà de la Basílica de San Pedro, esperaron el arribo del Papa. A su llegada, con emoción, gozo y un poco de nervios, tuvieron la oportunidad, uno a uno, de saludar al Papa y dirigirle un breve saludo. El Papa con su peculiar alegría fue informado por el Ceremoniero Pontificio, Mons. Guido Marini, que quienes prestaban el servicio litúrgico eran Paulinos.

Los jóvenes participantes agradecen a Dios por el regalo de haber tenido la oportunidad de vivir esa experiencia y agradecen a los hermanos que lo hicieron posible, en especial al P. Alberto Fussi y quieren hacer vida lo que el Papa Francisco dijo en su homilía: “Al Dios de la esperanza se le anuncia viviendo  hoy el Evangelio de la caridad, sin miedo a dar testimonio de él incluso con nuevas formas de anuncio”, y vivir el carisma que el Espíritu Santo a dado a la Congregación por mediación del Beato Santiago Alberione.

 

More Articles ...