Typography

Proprio in questi giorni mi sono imbattuto in una novità delle nostre Edizioni San Paolo, un libro di Rosario Rosarno (sacerdote diocesano vicino alla spiritualità paolina) dal titolo Giovani di oggi e preti di domani. Per una formazione vocazionale partecipativa-digitale. È un testo rivolto ai Seminari, a chi è in formazione e si prepara al presbiterato diocesano, ma non solo. Ciò che mi ha incuriosito è la ‘forte’ sintonia con l’idea di fondo che sta alla base del cammino recente della nostra Congregazione, espresso dai messaggi del Superiore generale e dalle iniziative di alcune Circoscrizioni, dal 2° Seminario Internazionale degli Editori Paolini e dal nostro prossimo convegno di Ariccia sul tema della 52a Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali. E non poteva che essere così.

La sintonia nasce chiaramente dal pensiero di papa Francesco sulla comunicazione, quando parla della cultura dell’incontro. A modo di esempio, ricordo qui quanto scriveva qualche anno fa nel messaggio per la 48a Giornata delle Comunicazioni Sociali: «Non basta passare lungo le strade digitali, cioè semplicemente essere connessi: occorre che la connessione sia accompagnata dall’incontro vero. Non possiamo vivere da soli, rinchiusi in noi stessi… Non sono le strategie comunicative a garantire la bellezza, la bontà e la verità della comunicazione… La Rete digitale può essere un luogo ricco di umanità, non una rete di fili ma di persone umane».

La cultura della comunicazione viene ‘declinata’ ora come cultura dell’incontro. Un passaggio interessante e necessario per cogliere il senso del digitale, di come oggi la rete sia una opportunità. Ma l’accento mi sembra posto più sulle relazioni che sul mezzo, più sull’incontro che sulle strutture (o mezzi) comunicative di un tempo. La rete stessa ce lo ricorda. Abbiamo bisogno di relazioni mature, di amare ed essere amati e la comunicazione come realtà intrinseca di ogni persona ci conduce a questo incontro necessario, tra noi, tra il Risorto e noi tutti.

 


Don Domenico Soliman è il segretario personale del Superiore generale, don Valdir José De Castro, e delegato della comunità Canonico Chiesa a Roma.

La sezione "In Dialogo" vuole essere uno spazio di formazione, dialogo e interazione tra i membri della Famiglia Paolina di tutto il mondo. Invitiamo, quindi, tutti voi a commentare gli articoli qui pubblicati e anche, per chi se la sente, a inviare un testo da pubblicare. Questi contributi saranno sempre benvenuti per arricchire il nostro... dialogo!